Decreto Aiuti-bis: riduzione cuneo fiscale e novità per fringe benefit

 

Pubblicato il decreto con le misure urgenti in materia di energia, emergenza idrica, politiche sociali e industriali

È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 185 del 9 agosto 2022, il Decreto Legge n. 115/2022 (cd. Decreto Aiuti-bis), recante "Misure urgenti in materia di energia, emergenza idrica, politiche sociali e industriali".

Tra le novità principali in materia di lavoro si segnalano la riduzione del cuneo fiscale dell'1,2% per i periodi di paga dal 1° luglio al 31 dicembre 2022 e l'innalzamento a 600 euro della soglia di esenzione dei fringe benefit aziendali per il periodo d'imposta 2022.

Riduzione del cuneo fiscale dell'1,2% per i periodi di paga dal 1° luglio al 31 dicembre 2022

Per i periodi di paga dal 1° luglio al 31 dicembre 2022, compresa la tredicesima o i relativi ratei erogati nei predetti periodi, è previsto l’incremento dell’esonero dello 0,8% sulla quota dei contributi previdenziali IVS (per invalidità, vecchiaia e superstiti) a carico del lavoratore di ulteriori 1,2 punti percentuali.

Il beneficio riguarda i lavoratori dipendenti (ad esclusione dei lavoratori domestici) che hanno una retribuzione imponibile, parametrata su base mensile per tredici mensilità, non eccedente l’importo mensile di 2.692 euro, maggiorato, per la competenza del mese di dicembre, del rateo di tredicesima.

Pertanto, da luglio a dicembre 2022, per i lavoratori dipendenti in possesso del suddetto requisito reddituale l’esonero dei contributi IVS a loro carico sarà pari al 2% (ovverosia 0,8%, come previsto dalla Legge di Bilancio 2022, maggiorato dell’1,2% introdotto dal Decreto Aiuti-bis). Ciò si tradurrà in un netto in busta paga più elevato.

Innalzamento a 600 euro della soglia di esenzione dei fringe benefit aziendali per il periodo d'imposta 2022

Per il solo anno 2022, la soglia di esenzione da tassazione delle erogazioni liberali di beni e servizi ai lavoratori dipendenti passa da 258,23 euro a 600 euro.

In ragione di quanto precede, il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati dall’azienda ai lavoratori dipendenti che non concorre alla formazione del reddito, ai sensi dell’articolo 51, comma 3, del TUIR, sarà pari a 600 euro per l’anno 2022.

Si tratta di tutti quei fringe benefit erogati dal datore di lavoro per liberalità o vincolo negoziale (si pensi, ad esempio, al welfare contrattuale) sotto forma di beni e servizi, come, a titolo esemplificativo: buoni carburante, buoni spesa, auto aziendale ecc...

Inoltre, come previsto dall’art. 12 del Decreto Aiuti-bis, nei 600 euro rientreranno anche le somme erogate o rimborsate ai lavoratori dai datori di lavoro per il pagamento delle utenze domestiche del servizio idrico integrato, dell’energia elettrica e del gas naturale.

Su tali somme è opportuno attendere un chiarimento dell’Agenzia delle Entrate in quanto - per prassi dell’amministrazione finanziaria - è consentita l’esenzione fiscale «sempreché il datore di lavoro acquisisca e conservi la documentazione comprovante l’utilizzo delle somme da parte del dipendente coerentemente con la finalità per le quali sono state corrisposte; è irrilevante, invece, la circostanza che le somme erogate coprano o meno l’intero costo» (circolare 5/E/2018, paragrafo 3.3, dell’agenzia delle Entrate).

Si rammenta, infine, che ai 600 euro di fringe benefit esenti si possono sommare i 200 euro del c.d. Bonus carburante, previsto dall’art. 2 del Decreto Legge n. 21/2022. In questo caso, va prevista una voce paga ad hoc.

Servizi correlati

Bando Formare per Assumere

Con decreto n. 9190 del 6 luglio 2021, Regione Lombardia ha approvato il...
Scopri di più

Sostieni la tua impresa #novitàlavoro

Migliorare la gestione del personale e riorganizzare il lavoro in azienda...
Scopri di più

Smart working o lavoro agile

Lo  smart working o “lavoro agile”  è una maggiore ...
Scopri di più

Consulenza del lavoro

Affianchiamo i datori di lavoro nella scelta del giusto contratto di lavoro, per ridurre i...
Scopri di più

Consulenza per la riorganizzazione aziendale

La riduzione dei costi per la tua azienda passa anche dalla gestione e dalla ...
Scopri di più

Formazione finanziata con i Fondi interprofessionali

Con i Fondi interprofessionali le imprese possono finanziare la formazione in azienda e creare...
Scopri di più

Consulenza giuslavoristica e sindacale

Leggi, regolamenti, contratti cambiano in continuazione. Per gestire questa complessità,...
Scopri di più

Sanità integrativa MOA - Formula Persona

Moa, protegge la tua salute,  quella dei tuoi famigliari e dei tuoi collaboratori. ...
Scopri di più

Welfare Aziendale

Il Welfare aziendale è uno strumento a disposizione delle imprese per erogare bonus e...
Scopri di più

Consulenza legale e giuslavoristica

Gestire i cambiamenti e le trasformazioni aziendali comporta risvolti giuridico-legali sempre...
Scopri di più

Apprendistato Professionalizzante Art. 44 D.Lgs. 81/2015

Il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato che si...
Scopri di più

Ricerca del personale

Riuscire a selezionare i collaboratori che siano in linea con le aspettative...
Scopri di più

Consulenza per la sicurezza in azienda

Ti sosteniamo e troviamo le soluzioni più adeguate, con continuità nel...
Scopri di più

Valutazione rischio gestanti e lavoratrici madri

Rischio, prevenzione e tutela delle lavoratrici. La tutela delle lavoratrici madri e gestanti...
Scopri di più