Fringe benefit: le regole per l’esenzione del 2022

 

Dal 1° gennaio il limite di esenzione per il lavoratore è di 258,23 euro

L’articolo 51, comma 3, del D.P.R. 917/1986 (Testo Unico delle Imposte sui Redditi, TUIR), prevede - in deroga al principio di onnicomprensività della retribuzione imponibile - che i compensi in natura (cosiddetti fringe benefit) concessi dal datore di lavoro ai propri dipendenti possano beneficiare di una particolare esenzione fiscale entro determinati importi annui.

Ai sensi del richiamato articolo di legge, il reddito di lavoro dipendente è costituito da tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d’imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione al rapporto di lavoro. Tuttavia, il TUIR prevede, per i fringe benefit, un limite annuo di esenzione pari ad Euro 258,23.

Laddove il limite sopra esposto dovesse essere superato nel periodo d’imposta, anche considerando la sommatoria dei compensi in natura ricevuti da più datori di lavoro, la totalità dell’importo concorrerà integralmente alla formazione del reddito del soggetto percipiente e non solo per la parte eccedente il valore di Euro 258,23.

L’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 59/E del 22 ottobre 2008 ha inoltre chiarito che “ai sensi del citato comma 3 dell'art. 51, peraltro, l'esclusione dal reddito opera anche se la liberalità è erogata ad un solo dipendente non essendo più richiesto che l'erogazione liberale sia concessa in occasione di festività o ricorrenze alla generalità o a categorie di dipendenti”.

Il quadro normativo durante l’emergenza epidemiologica

Al fine di attenuare gli effetti negativi della pandemia da Covid-19, per l’anno 2020 il Governo, con il D.L. 104/2020, convertito successivamente, con modificazioni, nella legge 126/2020, aveva previsto, l’innalzamento ad Euro 516,46 del limite di esenzione fiscale e contributiva dei beni e dei servizi ceduti o prestati dal datore di lavoro. Questa misura sperimentale è stata riproposta dal Decreto Sostegni, modificato dalla legge di conversione n. 69/2021, anche per il 2021.

Il rischio di superamento del limite di esenzione

A decorrere dal 1° gennaio 2022, in assenza di proroghe operate dal legislatore alle misure sperimentali previste nel biennio 2020-21, il limite di esenzione per il lavoratore torna ad essere il valore ordinario di Euro 258,23.

Pertanto, al fine di verificare il soddisfacimento dell’esenzione prevista dal sopracitato art. 51 del TUIR, il datore di lavoro dovrà necessariamente tenere in considerazione non solo il valore dei benefit riconosciuti ai lavoratori (si pensi, ad esempio, all’autovettura ad uso promiscuo; ai buoni carburante o buoni spesa; alle ricariche telefoniche), bensì anche il valore dell’eventuale welfare previsto dalla contrattazione collettiva ovvero dalle politiche di retribuzione aziendali.

Infatti, in ipotesi di superamento del limite di esenzione di Euro 258,23 annui, per benefit erogati in virtù di disposizioni di contratto (nazionale, aziendale e/o individuale) o di prassi/politiche aziendali, il datore di lavoro dovrà assoggettare alle ritenute fiscali e previdenziali di legge l’intero valore del benefit e non solo la parte di importo che supera il suddetto limite di esenzione.

Servizi correlati

Sostieni la tua impresa #novitàlavoro

Migliorare la gestione del personale e riorganizzare il lavoro in azienda...
Scopri di più

Consulenza del lavoro

Affianchiamo i datori di lavoro nella scelta del giusto contratto di lavoro, per ridurre i...
Scopri di più

Consulenza per la riorganizzazione aziendale

La riduzione dei costi per la tua azienda passa anche dalla gestione e dalla ...
Scopri di più

Consulenza giuslavoristica e sindacale

Leggi, regolamenti, contratti cambiano in continuazione. Per gestire questa complessità,...
Scopri di più

Consulenza legale e giuslavoristica

Gestire i cambiamenti e le trasformazioni aziendali comporta risvolti giuridico-legali sempre...
Scopri di più

Ricerca del personale

Riuscire a selezionare i collaboratori che siano in linea con le aspettative...
Scopri di più

Smart working o lavoro agile

Lo  smart working o “lavoro agile”  è una maggiore ...
Scopri di più

Formazione obbligatoria dipendenti CCNL Metalmeccanica Industria

Il CCNL Metalmeccanica Industria prevede che, per supportare lo sviluppo delle competenze...
Scopri di più

Assunzioni agevolate: gli incentivi disponibili

Scegliere la persona giusta al momento giusto, in azienda può fare la differenza. Non...
Scopri di più

Licenziamenti e conciliazione

Assistenza alle aziende nei momenti di crisi aziendale tramite consulenza e gestione...
Scopri di più

Formazione finanziata con i Fondi interprofessionali

Con i Fondi interprofessionali le imprese possono finanziare la formazione in azienda e creare...
Scopri di più

Sanità integrativa MOA - Formula Persona

Moa, protegge la tua salute,  quella dei tuoi famigliari e dei tuoi collaboratori. ...
Scopri di più

Welfare Aziendale

Il Welfare aziendale è uno strumento a disposizione delle imprese per erogare bonus e...
Scopri di più

Apprendistato Professionalizzante Art. 44 D.Lgs. 81/2015

Il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato che si...
Scopri di più

Valutazione rischio gestanti e lavoratrici madri

Rischio, prevenzione e tutela delle lavoratrici. La tutela delle lavoratrici madri e gestanti...
Scopri di più