Lavorare in Svizzera: la notifica per i prestatori di servizio indipendenti e artigiani

 

Obbligo di notifica per una prestazione per un massimo di 90 giorni lavorativi per anno

I prestatori di servizio indipendenti e artigiani sottostanno all'obbligo di notifica: si tratta dei cittadini provenienti dall'UE-27/AELS che forniscono una prestazione per un massimo di 90 giorni lavorativi per anno civile in Svizzera.

La notifica va presentata online tramite il sito ufficiale https://meweb.admin.ch/meldeverfahren/?request_language=it 

Le condizioni lavorative e salariali minime non vanno applicate agli indipendenti/ artigiani.

Questi, però, devono poter apportare, su richiesta, la prova della loro indipendenza, cioè poter dimostrare di poter svolgere le proprie mansioni in totale autonomia disponendo delle competenze per organizzare e svolgere i lavori concordati con la committenza e della relativa strumentazione.

La definizione di attività indipendente è retta dal diritto svizzero. In caso di controllo, bisogna presentare i tre documenti per provare l'indipendenza nell'ambito di una prestazione di servizio in Svizzera:
 

  • una copia della conferma della notifica o una copia dell'autorizzazione rilasciata, se l'esercizio di un'attività lucrativa in Svizzera sottostà alla procedura di autorizzazione conformemente alla legislazione sugli stranieri;
  • il modulo A1 rilasciato dall'assicurazione sociale del Paese di provenienza e per l’Italia l’ente competente è l’INPS;
  • una copia del contratto concluso con il mandante o il committente; in assenza di un contratto scritto, occorre una conferma scritta da parte del mandante o del committente per il mandato o il contratto di appalto da eseguire in Svizzera.

I documenti devono essere presentati in una lingua ufficiale della Confederazione Elvetica.


Hai verificato se la tua azienda deve avere un numero Iva per operare in Svizzera?

Gli obblighi riguardano tutte le imprese italiane che operano in Svizzera e che abbiano un fatturato complessivo (Italia+ Svizzera + resto del mondo) di almeno 100.000 CHF: dall'1° gennaio 2018 le imprese che effettuano prestazioni sul territorio elvetico e che realizzano un volume d’affari di almeno 100.000 CHF (anche se la percentuale realizzata in Svizzera è molto bassa) sono obbligate a registrarsi come contribuenti, richiedere una partita IVA svizzera e a versare la relativa IVA.

Le imprese hanno l’obbligo di nominare un rappresentante fiscale elvetico e depositare una garanzia bancaria (minimo 2000 CHF).
La nomina del rappresentante fiscale va fatta prima della fornitura del servizio.
L’aliquota IVA svizzera ordinaria dal primo gennaio è passata dall’8% al 7,7%.

L’obbligo è per tutte le imprese estere, non solo italiane: prima riguardava solo le imprese con un fatturato superiore ai 100.000 CHF.

Contatta lo Sportello Svizzera Artser per ogni informazione su:

  • prestazioni di servizio, montaggio e posa in opera,
  • richiesta numero di Partita Iva svizzera e gestione della posizione,
  • assistenza in ambito doganale,
  • assistenza nei rapporti con enti di controllo cantonali e federali, per il recupero crediti e la contrattualistica internazionale.

Servizi correlati

Taglia i costi della contabilità - OFFERTA LIMITATA

Se scegli di aderire a questa offerta limitata entro il 30 luglio 2021 potrai tagliare i...
Scopri di più

Servizio Estero - International Business Staff

Orientamento e check up per la valutazione dei mercati e delle migliori modalità di...
Scopri di più

Analisi finanziaria

Consulenti esperti visitano le imprese e ne analizzano: redditività, liquidità,...
Scopri di più

Bando Transizione Digitale ed Ecologica delle PMI con vocazione internazionale

Una delle prime misure del PNRR dedicate alle imprese, rappresenta un'importate...
Scopri di più

Opportunità dal mondo: selezione delle richieste di prodotti italiani
Gennaio 2022

Di seguito una selezione delle richieste di prodotti italiani pervenute dai partner commerciali...
Scopri di più

Corsi Export - Fare business in Medio Oriente, Negoziazione ed Export Control
| Seconda edizione |

L’Area Business Internazionale e la Scuola di Formazione Artser offrono alle imprese...
Scopri di più

Bando Contributi per la partecipazione a fiere all’estero e internazionali in Italia

La Camera di Commercio di Varese ha stanziato 200.000 euro a sostegno della partecipazione...
Scopri di più

Tutti i bandi e i contributi

Hai intenzione di  investire in sviluppo, innovazione, internazionalizzazione  e...
Scopri di più

Consulenza gestionale

Seguiamo l’azienda in ogni suo passo per definire le aree di forza, consigliarla su...
Scopri di più

Buono Fiere 2022

Il Buono Fiere è volto a valorizzare il made in Italy e ad incentivare la ripresa del...
Scopri di più

Autotrasporto: incentivi per le imprese per il rinnovo del parco veicolare

Il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili ha messo a disposizione...
Scopri di più

Bando Qualità Artigiana 2022

"Qualità Artigiana" promuove il rafforzamento della cultura e...
Scopri di più

Bando Economia Circolare Lombardia 2022

Favorire la transizione delle piccole e medie imprese lombarde verso un modello di economia...
Scopri di più

Bando Fai Credito Rilancio 2022

Per prevenire le crisi di liquidità e migliorare le condizioni di accesso al credito...
Scopri di più