Rifiuti: D. Lgs. 116/2020. Le richieste di Confartigianato Imprese

 

Le disposizioni sugli adempimenti delle imprese

Confartigianato Imprese è sempre stato particolarmente attento alla questione rifiuti. Infatti, il Decreto legislativo del 3 settembre 2020, n. 116, rappresenta il provvedimento di maggior interesse per le imprese rappresentate dal sistema che, proprio su questo, ha concentrato i suoi interventi.
L’obiettivo era quello di arrivare ad un testo contenente quelle disposizioni in grado di sgravare le imprese da quegli adempimenti che risultano noiosi, fastidiosi e particolarmente complessi.
Da qui sono partite le diverse proposte di emendamento al testo del 116/2020 presso il Ministero dell’Ambiente (in una fase preliminare) e nel corso delle recenti audizioni parlamentari. Le richieste di Confartigianato sono state accolte integralmente.

Qui una sintesi dei risultati ottenuti:

La riscrittura delle norme sul controllo della tracciabilità dei rifiuti, oltre a prevedere l’emanazione di “uno” o “più” decreti attuativi per l’operatività del nuovo Registro prevede anche l’interoperabilità del nuovo sistema con i sistemi gestionali esistenti, sostenibilità di costi per le imprese, gradualità di applicazione e congruo periodo di sperimentazione.

Tali principi devono essere ben evidenziati nella normativa “primaria”, in modo da evitare gli errori commessi in passato con il Sistri e al fine di stabilire condizioni semplici e condivise per lo sviluppo operativo della nuova piattaforma con i successivi decreti attuativi.

In tema di assimilabilità dei rifiuti speciali agli urbani, rispetto al testo iniziale Confartigianato ha ottenuto un riallineamento con quanto contenuto nella Dir. 851/2018/UE: la nuova definizione di rifiuti urbani è tale ai soli fini del calcolo degli obiettivi di riciclo e non per affidarne la privativa ai Comuni.

L’assimilazione di tutti i rifiuti agli “urbani” presente nelle versioni precedenti, oltre a non essere sostenibile per le imprese – che avrebbero avuto ben poche alternative per gestire i rifiuti da attività professionali se non presso il servizio pubblico – avrebbe messo anche in crisi l’attuale sistema di gestione dei rifiuti speciali che, ad oggi, ha raggiunto importanti risultati di recupero e riciclo. Tale misura evita l’assimilazione “ex lege” dei rifiuti professionali agli urbani, ed è in linea con quanto richiesto da Confartigianato nel corso delle audizioni alla Camera e Senato del 19 e 20 maggio scorso.

Le utenze non domestiche, quindi, potranno conferire i propri rifiuti al di fuori del servizio pubblico, previa dimostrazione di averli avviati al recupero, e saranno escluse dalla corresponsione della componente tariffaria rapportata alla quantità di rifiuti conferiti.

Sono state innalzate le soglie quantitative di rifiuti annui per la tenuta dei registri di carico e scarico presso le associazioni di categoria: questo permette alle imprese di avere più margini di gestione senza rischi.

E’ stata inserita, nel Decreto, l’esenzione dal Formulario di trasporto per i rifiuti da manutenzione. Le piccole imprese edili, così, possono gestire in maniera più snella (con semplice Ddt) l’eventuale trasporto dei rifiuti prodotti in cantiere (qualora i limitati quantitativi non giustifichino un deposito temporaneo) presso la propria sede.

Servizi correlati

RAEE - Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

Sono RAEE le apparecchiature elettriche ed elettroniche di cui il possessore intenda disfarsi...
Scopri di più

DVR - Documento di Valutazione dei Rischi

Il DVR , Documento di Valutazione dei Rischi  contiene i rischi e le misure preventive per...
Scopri di più

Gestione Rifiuti

La gestione dei rifiuti in Italia è disciplinata dalla Parte quarta del Testo Unico...
Scopri di più

Consulenza ambientale

Consulenza ambientale per le aziende - AIA, AUA, SCIA, Gestione rifiuti, Emissioni in...
Scopri di più

MUD - Modello Unico di Dichiarazione Ambientale

Il MUD (Modello Unico di Dichiarazione Ambientale) è la comunicazione che le imprese...
Scopri di più

Emissioni in atmosfera

Ogni azienda per essere operativa è tenuta ad ottenere una preventiva autorizzazione per...
Scopri di più

CAIT - Centro Assistenza Impianti Termici

Il Servizio CAIT (Centro Assistenza Impianti Tecnici) offre alle imprese del settore Impianti...
Scopri di più

Valutazione rischio chimico

La tutela dei lavoratori, in materia di rischio chimico, viene definita dal Testo Unico in...
Scopri di più

TARI: detassazione aree produttive e magazzini

Le superfici su cui si svolgono lavorazioni industriali o artigianali   e i magazzini...
Scopri di più

Certificazione F-Gas e gestione Banca Dati

La certificazione F-Gas o "Patentino Frigoristi" è un documento obbligatorio ...
Scopri di più

Investimenti per la ripresa: Bando Linea artigiani e Linea Aree interne

L'obiettivo degli interventi è sostenere le piccole e medie imprese lombarde che,...
Scopri di più

Bando Disegni + 2021

L'intervento intende supportare le micro, piccole e medie imprese nella ...
Scopri di più

Bando Brevetti + 2021

Il Bando Brevetti + 2021 ha come obiettivo quello di favorire lo sviluppo della strategia...
Scopri di più

Contributi per efficientamento energetico e installazione di impianti per fotovoltaico

Il Bando è finalizzato alla riduzione dei consumi energetici delle piccole e medie...
Scopri di più

Bando SI 4.0: sviluppo di soluzioni innovative

L'intervento è finalizzato a promuovere lo sviluppo di soluzioni, prodotti...
Scopri di più