Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro: la sospensione dell’attività imprenditoriale e l’inasprimento delle sanzioni

 

Le novità nel Decreto Fiscale che modifica il Dlgs 81/08

Il Decreto Legge n. 146 del 21 ottobre 2021 (c.d. Decreto Fiscale) ha introdotto importanti novità in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, andando a integrare e modificare il Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 (Testo Unico sulla Ssalute e Sicurezza).

Lo scopo del Decreto Fiscale in materia è quello di intervenire più efficacemente nei confronti di quelle aziende che non adottano le misure di prevenzione o che si avvalgono di lavoro irregolare, estendendo le competenze dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro nell’attività di vigilanza attraverso un aumento dell'organico e un ingente investimento in tecnologie informatiche (SINP), e assicurando un migliore coordinamento dei soggetti competenti nel verificare il rispetto della normativa volta a garantire la prevenzione.

Il quadro normativo

Le modifiche ed integrazioni operate dall’art. 13 del Decreto Fiscale al Testo Unico 81/08 si sono rese necessarie anche per contrastare il tragico ripetersi di morti sul lavoro che sta accompagnando la ripresa produttiva post pandemia nel nostro Paese.

Le novità fanno soprattutto riferimento all’introduzione e/o alla modifica dei seguenti aspetti:

  • l’estensione dei poteri di vigilanza dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL);
  • il rafforzamento della banca dati del Sistema Informativo Nazionale per la Prevenzione nei luoghi di lavoro (c.d. SINP) avente lo scopo principale di programmare e valutare, anche ai fini del coordinamento informativo statistico e informatico dei dati dell’amministrazione statale, regionale e locale le attività di vigilanza;
  • la sospensione dell’attività imprenditoriale e inasprimento delle sanzioni, in ipotesi di determinate violazioni.
L’estensione dei poteri di vigilanza dell’INL

L’articolo 13, comma 1, del Decreto Fiscale, ha modificato quanto previsto nel medesimo articolo del Testo Unico sulla salute e sicurezza, che prevedeva che la vigilanza sull’applicazione, o meno, della legislazione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro fosse svolta:

  • dall’azienda sanitaria locale competente;
  • dal corpo nazionale dei vigili del fuoco.

In base alla nuova normativa anche l’INL svolgerà l’attività di vigilanza sulla corretta applicazione, da parte dei datori di lavoro, delle misure previste a tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Nello specifico l’INL dovrà inoltre presentare, entro il 30 giugno di ogni anno, una relazione analitica al Ministero del lavoro e delle politiche sociali avente ad oggetto:

  • l’attività svolta in materia di prevenzione e contrasto del lavoro irregolare;
  • i risultati conseguiti.
La sospensione dell’attività imprenditoriale e l’inasprimento delle sanzioni

Il Decreto Fiscale modifica, sostanzialmente, anche la disciplina relativa alla sospensione dell’attività imprenditoriale nel caso di lavoro irregolare e di gravi violazioni in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro.

Il provvedimento di sospensione non ammetterà margini di discrezionalità da parte degli ispettori e prevede l’impossibilità, per l’azienda destinataria del provvedimento, di contrattare con la pubblica amministrazione per tutto il periodo della sospensione.

Tale provvedimento cautelare di sospensione viene adottato:

  • al riscontro della presenza di lavoratori irregolari (c.d. lavoratori in nero), a seguito di accesso dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro. Una volta accertata la presenza di lavoratori irregolari, qualora siano presenti in misura pari o superiore al 10% dei lavoratori presenti sul luogo di lavoro, anziché il 20% come in precedenza, gli ispettori procederanno con la sospensione, adottata in relazione alla parte dell’attività imprenditoriale interessata dalle violazioni o, in alternativa, dell’attività lavorativa prestata dai lavoratori interessati dalle violazioni;
  • in caso di gravi violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza del lavoro (ad esempio: la mancanza di protezioni consone all’attività svolta, la mancanza del documento di valutazione dei rischi (DVR), e la mancanza di formazione ecc…).

Il provvedimento di sospensione, in ipotesi di lavoratore irregolare, non trova applicazione nel caso in cui il dipendente sia l’unico occupato dall’impresa.

Ai fini della revoca del provvedimento di sospensione, oltre a dover sanare le violazioni riscontrate dagli ispettori, il datore di lavoro è altresì tenuto al pagamento di somme aggiuntive (sanzioni amministrative) che sono raddoppiate nelle ipotesi in cui, nei 5 anni precedenti alla adozione del provvedimento, il medesimo datore di lavoro sia stato destinatario di un provvedimento di sospensione.

Il datore di lavoro che chiede la revoca e non rispetta la sospensione è punito con l'arresto fino a sei mesi nelle ipotesi di sospensione per le violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e con l'arresto da tre a sei mesi o con l'ammenda da 2.500 a 6.400 euro nelle ipotesi di sospensione per lavoro irregolare.

Servizi correlati

Sostieni la tua impresa #novitàlavoro

Migliorare la gestione del personale e riorganizzare il lavoro in azienda...
Scopri di più

Consulenza del lavoro

Affianchiamo i datori di lavoro nella scelta del giusto contratto di lavoro, per ridurre i...
Scopri di più

Consulenza per la riorganizzazione aziendale

La riduzione dei costi per la tua azienda passa anche dalla gestione e dalla ...
Scopri di più

Consulenza giuslavoristica e sindacale

Leggi, regolamenti, contratti cambiano in continuazione. Per gestire questa complessità,...
Scopri di più

Consulenza per la sicurezza in azienda

Ti sosteniamo e troviamo le soluzioni più adeguate, con continuità nel...
Scopri di più

Smart working o lavoro agile

Lo  smart working o “lavoro agile”  è una maggiore ...
Scopri di più

Licenziamenti e conciliazione

Assistenza alle aziende nei momenti di crisi aziendale tramite consulenza e gestione...
Scopri di più

Formazione finanziata con i Fondi interprofessionali

Con i Fondi interprofessionali le imprese possono finanziare la formazione in azienda e creare...
Scopri di più

Sanità integrativa MOA - Formula Persona

Moa, protegge la tua salute,  quella dei tuoi famigliari e dei tuoi collaboratori. ...
Scopri di più

Welfare Aziendale

Il Welfare aziendale è uno strumento a disposizione delle imprese per erogare bonus e...
Scopri di più

Consulenza legale e giuslavoristica

Gestire i cambiamenti e le trasformazioni aziendali comporta risvolti giuridico-legali sempre...
Scopri di più

Apprendistato Professionalizzante Art. 44 D.Lgs. 81/2015

Il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato che si...
Scopri di più

Valutazione rischio chimico

La tutela dei lavoratori, in materia di rischio chimico, viene definita dal Testo Unico in...
Scopri di più

Verifica periodica dell’Impianto di Messa a Terra e denuncia all'INAIL

CIVA: il nuovo portale telematico dell’INAIL per gli impianti, attrezzature ed apparecchi...
Scopri di più