Sicurezza e riunione periodica: chi la convoca, chi partecipa e gli argomenti da trattare

 

È obbligatoria una volta all'anno per le imprese con più di 15 dipendenti

La riunione periodica annuale è un importante adempimento nel percorso di gestione dei rischi ed è prevista dal Dlgs 81/2008 all’art. 35 per le imprese con più di 15 dipendenti (cioè dal quindicesimo in poi considerando anche i soci operanti).

È sempre utile avere disponibile un vademecum degli aspetti da verificare, affinché questo appuntamento periodico diventi un’esperienza utile e costruttiva.

Chi convoca la riunnione periodica e chi deve partecipare

La riunione periodica deve essere convocata dal Datore di lavori/Rspp e non dal medico competente o dal Rls che invece vi partecipano, ma in qualità di “invitati”. Alla riunione periodica partecipano il datore di lavoro o suo delegato, l'RSPP, il Medico competente e i Rappresentanti deli lavoratori per la sicurezza (RLS).

Possono inoltre partecipare anche altre figure, qualora i temi trattati lo richiedano come il responsabile delle Risorse umane, il Responsabile dell'Amministrazione e Controllo, il Preposto ecc.

 
Gli argomenti della riunione

Nel corso della riunione il datore di lavoro sottopone all’esame dei partecipanti:

  1. il DVR (Documento di Valutazione dei Rischi)
  2. l’andamento degli infortuni, delle malattie professionali e della sorveglianza sanitaria;
  3. i criteri di scelta, le caratteristiche tecniche e l’efficacia dei DPI, i dispositivi di protezione individuale;
  4. i programmi di informazione e formazione dei dirigenti, dei preposti e dei lavoratori ai fini della sicurezza e della protezione della loro salute.

Più specificamente, in merito ad ogni argomento, si dovranno approfondire alcuni aspetti e tematiche ben precise.

1) Valutazione dei rischi: dovranno essere messi a tema innanzitutto i rischi rilevati, i livelli di esposizione delle diverse mansioni e le misure di prevenzione e protezione poste in essere, oltre alla loro efficacia e alle tempistiche di monitoraggio e revisione.

2) Infortuni e malattie professionali: si verificherà l’andamento degli infortuni, delle malattie professionali e i risultati della sorveglianza sanitaria a cura del medico competente, gli accertamenti previsti dal piano sanitario in relazione di rischi rilevati e il rispetto della periodicità delle visite mediche. Come infatti dispone il D.lgs 81/08 "il medico competente comunica per iscritto, in occasione delle riunioni di cui all’articolo 35, al datore di lavoro, al responsabile del servizio di prevenzione protezione dai rischi, ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, i risultati anonimi collettivi della sorveglianza sanitaria effettuata e fornisce indicazioni sul significato di detti risultati ai fini della attuazione delle misure per la tutela della salute e della integrità psico-fisica dei lavoratori".

3) Dispositivi di protezione individuale: si verifica se i lavoratori sono stati informati sui DPI indicati nel DVR e se sono stati formati al loro uso, a chi devono rivolgersi in caso abbiano necessità riguardanti i DPI. Inoltre, se hanno ricevuto precise informazioni sulla loro sostituzione quando sono usurati (art 77 co 4 lett.a), sulla pulizia dei DPI di uso collettivo (art 77 co 4 lett. d), sulle procedure aziendali per la sostituzione dei DPI quando questi non sono adatti al lavoratore (art 76 co 2).

4) Formazione: si analizza il programma di formazione eseguito nell’anno, si propongono gli argomenti specifici sui quali avviare formazione nell’anno successivo sulla base anche dei risultati emersi dal DVR e dalla sorveglianza sanitaria, ma anche sull’uso di nuove tecnologie/macchinari o su nuovi prodotti utilizzati, oppure sui cosiddetti rischi trasversali che coinvolgono gli stili di vita dei lavoratori (ad esempio abuso di alcol, tossicodipendenze, stress lavoro correlato, lingue straniere, ecc...). Infatti l’art 28 del D.lgs 81/08 indica che la valutazione dei rischi “deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell’accordo europeo dell’8/10/2004, e quelli riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza, secondo quanto previsto dal D.lgs 151/2001, nonché quelli connessi alle differenze di genere, all’età, alla provenienza da altri Paesi e quelli connessi alla specifica tipologia contrattuale attraverso cui viene resa la prestazione di lavoro”.

Un rischio particolare riguarda infine quello relativo all’età dei lavoratori che, con i progetti di introduzione di stage/tirocini, deve essere seguito con molta attenzione e con l’aiuto del medico competente.

Servizi correlati

Certificazione F-Gas e gestione Banca Dati

La certificazione F-Gas o "Patentino Frigoristi" è un documento obbligatorio ...
Scopri di più

Consulenza per la sicurezza in azienda

Ti sosteniamo e troviamo le soluzioni più adeguate, con continuità nel...
Scopri di più

DVR - Documento di Valutazione dei Rischi

Il DVR , Documento di Valutazione dei Rischi  contiene i rischi e le misure preventive per...
Scopri di più

Sicurezza nei luoghi di lavoro: prevenire i rischi

I sistemi di  prevenzione , le  buone prassi  e la  gestione dei potenziali...
Scopri di più

RSPP Esterno

Con il servizio di nomina ed incarico come RSPP esterno, Confartigianato Artser garantisce alle...
Scopri di più

Gestione Rifiuti

La gestione dei rifiuti in Italia è disciplinata dalla Parte quarta del Testo Unico...
Scopri di più

POS - Piano Operativo di Sicurezza

Il POS (Piano Operativo di Sicurezza) è un documento obbligatorio ai sensi del D.Lgs....
Scopri di più

OT23 (ex OT24)

L'Inail premia con uno "sconto" denominato " oscillazione per prevenzione...
Scopri di più

DPI - Dispositivi di Protezione Individuale

I DPI, Dispositivi di Protezione Individuale, sono tutte quelle attrezzature o...
Scopri di più

Certificazione UNI EN ISO 45001

La Certificazione UNI EN ISO 45001:2018 “Sistemi di gestione per la salute e...
Scopri di più

RSPP (responsabile servizio prevenzione protezione)

L’RSPP è una figura di estrema importanza che deve essere nominata dal Datore di...
Scopri di più

Verifica periodica dell’Impianto di Messa a Terra e denuncia all'INAIL

CIVA: il nuovo portale telematico dell’INAIL per gli impianti, attrezzature ed apparecchi...
Scopri di più

Scuola di formazione Versione Beta

Mettiamo a tua disposizione  strumenti e metodologie innovative , per garantire i ...
Scopri di più

Moca – Materiali e oggetti destinati al contatto con alimenti

I Moca, Materiali o Oggetti a Contatto con gli Alimenti, sono tutti i prodotti destinati a...
Scopri di più

Valutazione rischio gestanti e lavoratrici madri

Rischio, prevenzione e tutela delle lavoratrici. La tutela delle lavoratrici madri e gestanti...
Scopri di più