Cerca:
Home SANITA' INTEGRATIVA/MOA Formula A Casa mia

Formula A Casa mia

logo_A_CASA_MIAAssistenza domiciliare e ospedaliera

A casa e in ospedale poter contare su un’assistenza dedicata è sempre più una necessità per le persone che subiscono un infortunio, vivono una malattia o devono recuperare la normale autonomia dopo un intervento chirurgico.

Spesso tali attenzioni non riescono ad essere garantite dai familiari o dagli amici, per via dei tempi, degli impegni e delle distanze.

Inoltre, in alcune situazioni, serve ricevere un’assistenza da personale qualificato ed esperto.

Per trovare una risposta a questo bisogno, le società di mutuo soccorso lombarde coordinate da FIMIV hanno realizzato una forma di assistenza riservata ai propri soci nel territorio di Varese.

“A Casa mia”, la formula riservata a coloro che non hanno ancora compiuto i 75 anni di età e comprensiva delle prestazioni di Assistenza non sanitaria domiciliare e ospedaliera e dell’assistenza domiciliare infermieristica e riabilitativa, è offerta alla tariffa di soli 50 euro annui.

Per i già soci Moa non vi sono limiti di età per l’adesione e la tariffa si riduce a soli 30 euro. La tariffazione ridotta è applicata anche ai soci ANAP.

1. Assistenza domiciliare infermieristica e riabilitativa

L’Assistenza Domiciliare infermieristica e riabilitativa è garantita a seguito di:

  • dimissioni successive a ricovero in ospedale o casa di cura (anche in Pronto Soccorso o in Day Hospital) per infortunio o malattia.
  • malattia o infortunio a domicilio (non seguite da ricovero ospedaliero) diagnosticate dal medico curante, la cui prognosi preveda una degenza domiciliare non inferiore a 10 giorni.

A titolo esemplificativo e non limitativo, l’erogazione di Assistenza infermieristica e riabilitativa consiste in:

  • prelievi
  • medicazioni
  • iniezioni
  • fisioterapia

Modalità d’erogazione dell’ASSISTENZA DOMICILIARE INFERMIERISTICA E RIABILITATIVA  è garantita per un massimo di 20 accessi annui* grazie ad una convenzione con società specializzate nell’assistenza domiciliare

* (massimo 16 per evento)

2. Assistenza domiciliare non sanitaria

L’Assistenza Domiciliare non sanitaria è garantita a seguito di:

  • dimissioni successive a ricovero in ospedale o casa di cura (anche in Pronto Soccorso o in Day Hospital) per infortunio o malattia.
  • malattia o infortunio a domicilio (non seguite da ricovero ospedaliero) diagnosticate dal medico curante, la cui prognosi preveda una degenza domiciliare non inferiore a 10 giorni.

A titolo esemplificativo e non limitativo, l’erogazione di Assistenza Domiciliare consiste in:

  • Sorveglianza generica, anche con accompagnamento
  • Fare compagnia
  • Curare la persona anche con intervento igienico personale, con sollevamento da letto o poltrona e ricollocazione
  • Supportare il Socio nelle relazioni esterne e per commissioni di vario tipo, escludendo l’uso di un mezzo proprio dell’operatore anche per trasporti all’assistito
  • Fare la spesa ed eseguire inderogabili commissioni semplici (posta, banca e simili)
  • Preparare e somministrare pasti

Sono inoltre compresi gli interventi di tipo socio-sanitario effettuati a domicilio del Socio da medici, infermieri e/o da professionisti con la qualifica di O.S.S. quali:

  • Cure relative ai bisogni del Socio nelle attività di vita quotidiana in un contesto più o meno prevedibile
  • Controllo dei parametri vitali e del bilancio idrico
  • Preparazione, distribuzione e somministrazione dei medicamenti per via orale, topica, oftalmica, auricolare, nasale, rettale, vaginale e aerosol
  • Preparazione e somministrazione dei medicamenti per via intradermica sottocutanea, intramuscolare ed endovenosa (in una via venosa già in sito)
  • Cura e sorveglianza dell’utente portatore di sondino o PEG già in sito compresa somministrazione alimentazione, cura della ferita e terapia
  • Cura e sorveglianza dell’utente portatore di colostomia e urostomia
  • Esecuzione di prelievi di liquidi biologici a scopo diagnostico e uso di reagenti (uricult, glicemia, ecc)
  • Esecuzione di medicazioni secche e umide
  • Cura e sorveglianza dell’utente in ossigeno terapia
  • Aspirazione buccofaringea
  • Cura e sorveglianza degli utenti portatori di apparecchi ortopedici
  • Esecuzione di bendaggi e uso di calze elastiche anche in caso di utenti in post – operatorio e amputazione
  • Valutazione del dolore
  • Cura e sorveglianza dell’utente diabetico esclusa la pedicure

3. Assistenza ospedaliera

L’Assistenza Ospedaliera viene garantita al socio presso la Casa di Cura o Istituto Ospedaliero in cui è ricoverato e degente.

Le mansioni delle persone incaricate ad erogare Assistenza Ospedaliera sono tutte quelle atte a dare sollievo e cura al Socio nonché a fornire aiuto, compagnia e sorveglianza generica, anche con accompagnamento.

In generale, consiste in prestazioni che non rientrino (per legge, contratto di lavoro o regolamento interno) nelle competenze proprie del personale sanitario e/o parasanitario dell’ospedale o istituto di cura presso il quale il Socio è ricoverato.

Modalità d’erogazione dell’ ASSISTENZA DOMICILIARE NON SANITARIA E ASSISTENZA OSPEDALIERA

Il Socio può richiedere la prestazione in entrambe le tipologie di assistenza con un minimo di 3 ore consecutive e un massimo di 9 ore al giorno per un massimale di 50 ore annue. Le prestazioni vengono erogate nel territorio della provincia di Varese. Il socio ha la possibilità di usufruire nel medesimo anno solare di entrambe le assistenze. In tal caso ha a disposizione cumulativamente un totale di 70 ore di assistenza.

ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO

Per accedere al servizio è possibile rivolgersi telefonicamente in orario di ufficio alla MOA SMS – telefono 0332 256328 o via mail alessia.moro@asarva.org

Per ulteriori informazioni contattare Alessia Moro – alessia.moro@asarva.org – tel. 0332 256328

TORNA SU