Cerca:
Home Area Impresa Bandi e contributi

Bandi e contributi

testata_bandi-e-contributi

Sei un’impresa che intende investire in innovazione, ricerca e sviluppo, o semplicemente vuoi sapere quali contributi e agevolazioni sono disponibili per la tua attività? Possiamo aiutarti anche per ripartire ancora più pronto.

Ti affianchiamo per:

  • consulenza al progetto d’impresa
  • verifica dei requisiti richiesti dai bandi
  • predisposizione della documentazione
  • presentazione telematica delle domande
  • rendicontazione

Se vuoi presentare una domanda per un contributo e hai dei dubbi, contatta i nostri esperti: sapranno darti tutte le informazioni di cui hai bisogno.


Contributi pubblici: obblighi di trasparenza per imprese, associazioni, cooperative sociali.
L’articolo 35 del “Decreto Crescita”, D.L. n. 34/2019, ha stabilito che i soggetti che ricevono sovvenzioni, sussidi, vantaggi, contributi o aiuti dalle pubbliche amministrazioni, in denaro o in  natura, sono tenuti a rendere pubbliche alcune informazioni. 
Leggi per tutte le informazioni

Alle imprese che devono ottemperare all’obbligo di pubblicazione dei dati mettiamo a disposizione questa pagina dedicata.


Le tipologie di agevolazione

La natura dei contributi può avere origini diverse:

Contributo in conto capitale: è una percentuale dello speso che viene restituita all’impresa, come contributo che non dovrà essere rimborsato. Si calcola sul valore di un bene o di una attività che l’impresa ha pagato e sostenuto e rendicontato all’ente pubblico.

Bonus fiscale: viene erogato sotto forma di detrazione fiscale entro un certo numero di anni dalla sua concessione.

Credito d’imposta: la differenza, a credito del contribuente, tra l’imposta dovuta e quanto gia pagato sotto forma di ritenute, crediti ed acconti (IVA, IRPEF, ecc…). Il credito, se non se ne chiede il rimborso, può essere utilizzato per compensare debiti d’imposta degli anni successivi. Rientra nella categoria del contributo a fondo perduto.

Contributo in conto interessi: è calcolato non sul valore di un bene acquistato dall’azienda ma sul tasso di interesse passivo pagato su di un finanziamento.

Voucher: “Buono” di valore economico spendibile per l’acquisto di beni e/o servizi determinati.

Finanziamento agevolato: in questo caso si parla di cofinanziamento, erogato con fondi pubblici ad un tasso inferiore rispetto a quello di mercato. La differenza tra il tasso di mercato e il tasso agevolato è il guadagno per l’impresa.


TORNA SU