Bando SI 4.0 - Sviluppo di soluzioni innovative

 

Contributi per progetti di sperimentazione, prototipazione e messa sul mercato di soluzioni, applicazioni, prodotti e servizi 4.0

Incentivare la collaborazione tra imprese e soggetti qualificati nel campo delle tecnologie I4.0, promuovere lo sviluppo di modelli green driven orientati alla qualità e alla sostenibilità, favorire interventi per la protezione e sicurezza informatica: sono queste le finalità del Bando SI 4.0, promosso dalle Camere di Commercio lombarde e dalla Regione Lombardia.

Il bando mette a disposizione 1.750.000 euro per contributi a fondo perduto rivolti a micro e piccole medie imprese (MPMI), per la realizzazione di progetti di sperimentazione, prototipazione e messa sul mercato di soluzioni, applicazioni, prodotti e servizi innovativi 4.0 immediatamente cantierabili e che dimostrino il potenziale interesse sul mercato. 

Le risorse sono così ripartite per Camera di Commercio competente: 

  • Bergamo: € 120.000
  • Brescia: € 100.000
  • Cremona: € 60.000
  • Mantova: € 70.000
  • Milano Monza Brianza e Lodi: € 1.400.000
Beneficiari

I soggetti beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese (escluse le imprese agricole), con sede operativa iscritta e attiva al Registro Imprese delle Camere di commercio lombarde che hanno stanziato le risorse. 

Spese ammissibili

Sono ammissibili progetti di sperimentazione, prototipazione e messa sul mercato di soluzioni, applicazioni, prodotti/servizi innovativi 4.0 prontamente cantierabili e che dimostrino il potenziale interesse di mercato, con una particolare attenzione per i progetti che apportino effetti positivi in termini di eco-sostenibilità ed efficientamento energetico realizzato dai servizi/prodotti proposti e per quelli rivolti al miglioramento della cybersecurity e business continuity nelle aziende.

Le soluzioni proposte potranno essere rivolte direttamente al consumatore finale oppure rispondere ai bisogni di innovazione dei processi, prodotti e servizi sia di altre MPMI che di grandi imprese.

I progetti dovranno riguardare almeno una delle tecnologie di innovazione digitale 4.0 tra:

  • robotica avanzata e collaborativa
  • manifattura additiva e stampa 3D
  • prototipazione rapida
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D)
  • interfaccia uomo-macchina
  • simulazione e sistemi cyber-fisici
  • integrazione verticale e orizzontale
  • Internet delle cose (IoT) e delle macchine
  • Cloud, High Performance Computing – HPC, fog e quantum computing
  • Soluzioni di cyber security e business continuity (es. CEI – cyber exposure index, vulnerability assessment, penetration testing etc)
  • big data e analisi dei dati
  • soluzioni di filiera per l’ottimizzazione della supply chain e della value chain
  • soluzioni per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività aziendali e progettazione ed utilizzo di
    tecnologie di tracciamento (RFID, barcode, CRM, ERP, ecc)
  • Intelligenza Artificiale
  • blockchain

I progetti, inoltre, potranno prevedere l’eventuale aggiunta di una o più tecnologie digitali, purché propedeutiche o complementari a quelle previste al precedente elenco:

  • sistemi di pagamento mobile e/o via Internet
  • sistemi fintech
  • sistemi EDI, electronic data interchange
  • geolocalizzazione
  • tecnologie per l’in-store customer experience
  • system integration applicata all’automazione dei processi

Sono ammissibili le spese relative a consulenza, formazione, investimenti in attrezzature, servizi e tecnologie per l'ingegnerizzazione di software/hardware, le spese per la tutela della proprietà industriale, le spese del personale dell’azienda solo se espressamente dedicato al progetto (fino a un massimo del 30% della somma delle altre voci di spesa).

I fornitori dei servizi devono risultare qualificati ovvero, DHI, centri di ricerca, incubatori, Fabal, centri di trasferimento tecnologico, start up innovative, innovation manager, grandi imprese, istituti tecnici superiori, fornitori iscritti all'elenco dei fornitori di servizi e tecnologie 4.0.

Caratteristiche del contributo

L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili nel limite massimo di 50.000 euro. L’investimento minimo è di 40.000 euro.

Tutte le spese ammissibili devono: 

  • essere sostenute e quietanziate a partire dal 1 gennaio 2022;
  • essere sostenute, quietanzate e rendicontate entro la data limite del 15 dicembre 2023.
Modalità e tempi di presentazione della domanda

Le domande di contributo devono essere presentate a partire dalle ore 10.00 del 29 settembre 2022 fino alle ore 12.00 del 28 ottobre 2022.

Scheda Bando PDF

Per ulteriori informazioni e accompagnamento alla presentazione della domanda