Cosa vendere in Estonia?

 

La situazione economica del Paese e i settori trainanti per l'export

Nel 2019 il Pil estone, pari a 28 miliardi di euro a prezzi correnti, ha registrato, secondo i dati dell’Ufficio di statistica aggiornati a febbraio 2020, un incremento su base annua del 4,3%, uno dei più alti in Europa. Sia il settore industriale orientato all'export che i comparti dell’attività economica legati alla domanda interna hanno contribuito alla crescita, con un particolare ruolo giocato dai servizi finanziari e tecnologici.

In relazione agli scambi, secondo i dati preliminari dell'Ufficio di statistica estone relativi al 2019 le esportazioni a prezzi correnti sono ammontate a 14,4 mld. di euro mentre le importazioni si sono attestate a 16,1 mld. di euro. La variazione sull’anno ha riguardato le sole importazioni che presentano una diminuzione dell’1%.

Quanto alle transazioni economiche con l’estero, sulla base dei dati preliminari pubblicati dalla Banca di Estonia a marzo 2020, la bilancia dei pagamenti ha registrato nel 2019 un surplus del conto corrente di 615 mil. di euro, pari al 2,2% del PIL annuo.

Riguardo le previsioni sull’andamento dell’economia, aggiornate a causa dell’attuale situazione di emergenza sanitaria, rispetto alla precedente stima per il 2020 che attestava la crescita del prodotto al 2,3%, il Ministero delle Finanze prevede attualmente una contrazione del PIL pari al 10,1%. Con riferimento al mercato del lavoro per il corrente anno è atteso un aumento del tasso di disoccupazione fino al 9% (+4,4% nel 2019) e un tasso d’inflazione attorno all’1,5% (+2,3% nel 2019).

Macchinari e apparecchiature

Il settore dei macchinari e apparecchiature ha registrato negli ultimi anni un andamento positivo degli scambi. I dati elaborati dall’Agenzia ICE (fonte ONU Comtrade) relativi al 2019 indicano che l’interscambio commerciale in questo comparto è ammontato a 2,6 miliardi di euro. Il settore rappresenta rispettivamente il 9,5 e 12,7% del valore complessivo delle importazioni ed esportazioni del Paese. Nel 2019 il valore dell’export italiano in questo settore è ammontato a circa 68 milioni di euro. Il valore corrisponde ad una quota di mercato del 5% in rapporto al totale complessivo dei macchinari e apparecchiature importati nel Paese ed al 17% del totale dell’export italiano. La domanda di beni dall’Italia ha riguardato principalmente macchine di impiego generale ed altre macchine per impieghi speciali.

Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche

Il settore delle apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche ha registrato in questi ultimi anni un andamento costante. I dati elaborati dall’Agenzia ICE (fonte ONU Comtrade) relativi al 2019 indicano che l’interscambio commerciale in questo comparto è ammontato a 2,1 miliardi di euro. Il settore rappresenta rispettivamente il 7,5 e 10,5% del valore complessivo delle importazioni ed esportazioni del Paese. Nel 2019 il valore dei beni esportati dall’Italia è stato di circa 40 milioni di euro, pari ad una quota di mercato del 3,7% in rapporto al valore complessivo delle importazioni estoni ed al 9,9% del totale delle nostre esportazioni. La domanda di beni dall’Italia ha riguardato principalmente motori, generatori e trasformatori elettrici, le apparecchiature di cablaggio, le apparecchiature per illuminazione, batterie di pile e accumulatori elettrici.

Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi

Il settore degli autoveicoli, rimorchi e semirimorchi continua a registrare incrementi tendenziali costanti. Gli ultimi dati disponibili elaborati dall’Agenzia ICE (fonte ONU Comtrade) relativi al 2019 indicano che l’interscambio estone in questo comparto, pari a circa 2,5 miliardi di euro, presenta una crescita sull’anno del 3%. Il settore rappresenta rispettivamente il 10,9 e l’8,7% del totale complessivo del valore dei beni importati ed esportati dall'Estonia. Con riferimento all’Italia, nel 2019 il valore dei beni esportati è stato di 34 milioni di euro. Il valore corrisponde ad una quota di mercato del 2,2% rispetto al valore complessivo delle importazioni estoni nel settore ed all’8,5% del totale delle nostre esportazioni nel Paese. La domanda di beni dall’Italia ha riguardato principalmente gli autoveicoli e le parti ed accessori per autoveicoli e loro motori.

Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia)

Con il progressivo aumento dei consumi finali delle famiglie il settore degli articoli di abbigliamento ha registrato in questi ultimi anni un buon andamento. Secondo i dati elaborati dall’Agenzia ICE (fonte ONU Comtrade) relativi al 2019 l’interscambio commerciale si è attestato a 554 milioni di euro. Il settore rappresenta rispettivamente il 2,4 e 2,1% del totale complessivo del valore dei beni importati ed esportati dal Paese. Nel 2019 il valore delle esportazioni dall’Italia è stato di 14 milioni di euro, pari ad una quota di mercato del 3,8% rispetto al valore complessivo delle importazioni estoni nel settore ed al 3,6% del totale delle nostre esportazioni nel Paese. La domanda di beni dall’Italia ha riguardato principalmente gli articoli di abbigliamento e di maglieria.

Prodotti chimici

Il settore dei prodotti chimici rappresenta una tra le più importanti voci dell’interscambio commerciale estone. I dati elaborati dall’Agenzia ICE (fonte ONU Comtrade) indicano che nel 2019 gli scambi di merci sono ammontati a poco più di 2 miliardi di euro. Il settore rappresenta rispettivamente il 10,4 e 5,6% del totale complessivo del valore dei beni importati ed esportati dal Paese. Nel 2019 il valore dell'export italiano è stato di 34,5 milioni di euro. Il valore corrisponde ad una quota di mercato del 2,1% rispetto al valore complessivo delle importazioni estoni registrato nel settore ed all’8,7% del totale delle nostre esportazioni nel Paese. La domanda di beni dall’Italia ha riguardato principalmente i prodotti chimici di base, materie plastiche e gomma sintetica in forme primarie, altri prodotti chimici, pitture, vernici e smalti, saponi e detergenti, profumi e cosmetici.

Food & Beverage

L’esportazione di prodotti agroalimentari italiani ha supero nel 2019 i 42 Milioni di euro, con un trend di crescita sul quinquennio 2015-2019 pari al 20%. Particolarmente significativa è stata la crescita del valore dei prodotti importati, che si stanno sempre più orientando sulla qualità anche grazie alla nascita e allo sviluppo di canali distributivi dedicati, finalizzati ad intercettare le classi a reddito crescente sempre più diffuse.

Il mercato sta vivendo una progressiva maturazione, con la ricerca di produzioni di qualità e delle tipicità locali al di là dei prodotti più conosciuti (chianti, mozzarella etc..).

Un fattore competitivo importante è rappresentato sicuramente dal packaging e dalla selezione del giusto partner commerciale, date le ridotte dimensioni del mercato e la sua concentrazione nelle aree urbane.

I professionisti di Artser offrono un percorso di accompagnamento completo nel mercato baltico (Lituania, Estonia e Lettonia), partendo da una fase di market test fino ad un presidio costante del mercato.

Servizi correlati

Opportunità dal mondo: selezione delle richieste di prodotti italiani
Aprile 2022

Una selezione delle richieste di prodotti italiani pervenute dai partner commerciali ed...
Scopri di più

Bando Transizione Digitale ed Ecologica delle PMI con vocazione internazionale

Una delle prime misure del PNRR dedicate alle imprese, rappresenta un'importate...
Scopri di più

Opportunità dal mondo: selezione delle richieste di prodotti italiani
Gennaio 2022

Di seguito una selezione delle richieste di prodotti italiani pervenute dai partner commerciali...
Scopri di più

Opportunità dal mondo: selezione delle richieste di prodotti italiani
Febbraio 2022

Una selezione delle richieste di prodotti italiani pervenute dai partner commerciali ed...
Scopri di più

Corsi Export - Fare business in Medio Oriente, Negoziazione ed Export Control
| Seconda edizione |

L’Area Business Internazionale e la Scuola di Formazione Artser offrono alle imprese...
Scopri di più

Bando Contributi per la partecipazione a fiere all’estero e internazionali in Italia

La Camera di Commercio di Varese ha stanziato 200.000 euro a sostegno della partecipazione...
Scopri di più

Taglia i costi della contabilità - OFFERTA LIMITATA

Se scegli di aderire a questa offerta limitata entro il 30 luglio 2021 potrai tagliare i...
Scopri di più

Tutti i bandi e i contributi

Hai intenzione di  investire in sviluppo, innovazione, internazionalizzazione  e...
Scopri di più

Servizio Estero - International Business Staff

Orientamento e check up per la valutazione dei mercati e delle migliori modalità di...
Scopri di più

Consulenza gestionale

Seguiamo l’azienda in ogni suo passo per definire le aree di forza, consigliarla su...
Scopri di più

Analisi finanziaria

Consulenti esperti visitano le imprese e ne analizzano: redditività, liquidità,...
Scopri di più